La processione ad Arcore di quanti nel suo cerchio magico lo avevano mollato e i sondaggi che lo danno in risalita sono due tra gli elementi che hanno riportato il buon umore a Palazzo Grazioli

di Fabrizio Casari

Sembra decisamente ringalluzzito Berlusconi. L’accordo con la Lega gli ha certamente elevato le possibilità di non finire nel tritacarne elettorale; senza l’alleanza con i leghisti qualunque ipotesi, pur straordinariamente ottimista, non avrebbe retto alla logica prima ancora che alle urne. I cosiddetti padani, d’altra parte, o sottostavano al patto con il cavaliere o perivano in Lombardia, Veneto e Piemonte. E, sia chiaro, non è il coraggio che abbonda in Via Bellerio. Adesso che il ricatto si è compiuto e i beoti padani hanno abbozzato, l’ex premier si sente convinto di  poter risalire la china; seppure non dovesse riuscire a vincere, ha detto ad alcuni suoi collaboratori, il suo risultato sarà sufficiente ad impedire che vinca la sinistra; e nel caso essa dovesse farcela, sarà costretta a penalizzanti accordi poco digeribili con Monti e la noiosissima schiera del censo che lo appoggia.

Difficile dargli torto, giacché passare dal ruolo di uomo da battere a guastatore sarà anche meno affascinante, ma per certi aspetti è molto più nelle sue corde; se infatti dal punto di vista della capacità di governo il fidanzato della Pascale è tutt’altro che un punto di riferimento, in quello dell’uomo della propaganda (nel senso peggiore del termine) è veramente abile. Non solo per il fatto di possedere tre reti televisive, giornali e periodici vari (pure questione di fondo), ma per l’assoluta disinvoltura con la quale distribuisce menzogne sul passato e sul presente scekerate con irrealizzabili promesse sul futuro utilizzando una sapiente tecnica di marketing di vendita, cioè proprio quello che i progressisti non sanno nemmeno dove sia di casa.

La processione ad Arcore di quanti nel suo cerchio magico lo avevano mollato e i sondaggi che lo danno in risalita sono due tra gli elementi che hanno riportato il buon umore a Palazzo Grazioli. Ma dal momento che ne sa una più del diavolo, il cavaliere è perfettamente cosciente che tutto ciò non basta e che una campagna elettorale che alla fine non si concludesse con una mezza vittoria non gli darebbe soverchie possibilità di rinegoziare poi una via d’uscita onorevole e conveniente per lui e per le sue aziende. Perciò s’industria e mette in campo ogni energia, non lesina sforzi e non sottovaluta il benché minimo dettaglio.

Nelle ultime 48 ore, dopo aver ricevuto un rifiuto secco da parte di Draghi all’offerta di una candidatura al Quirinale, ha provato ad alzare un muro sul processo di Milano, chiedendo di sospenderlo per impegni elettorali. Il tribunale, ovviamente, gli ha dato torto, visto che pur di allearsi con la Lega ha dovuto affermare che non corre per Palazzo Chigi, evidenziando con ciò di essere, sul piano formale, solo uno tra tanti delle migliaia di candidati a seggiole varie tra Senato, Camera, Regioni, Province e Comuni dove si vota. Dunque, nessun legittimo impedimento: non ce l’aveva da Premier, figurarsi da candidato. Questione delicatissima questa, perché il processo dove risulta imputato per concussione e sfruttamento della prostituzione minorile ricorderà a tutti, molto più di quanto abbiano fatto Santoro e Travaglio, chi è davvero l’omino che ha trascinato nel fango l’Italia. Cosa non simpatica mentre si cercano i voti.

Il seguito su:  Altrenotizie

17 gennaio 2013