Volentieri pubblico questa lucida analisi sul comportamento politico di Wolfgang Schäuble di Roberto Giardina, scrittore, giornalista e corrispondente dalla Germania di lungo corso. È una lettura indispensabile per capire il momento che stiamo vivendo, e il futuro che ci aspetta perché la riapertura delle banche in Grecia ha allentato la tensione sui mercati, ma non ha risolto i problemi che ci hanno condotto a un passo dalla catastrofe. L’attuale, relativa, tranquillità non ci consente di affermare che il peggio sia alle nostre spalle. Soltanto un populismo becero, una politica priva volutamente di verità può spiegare la malafede con la quale si continua a diffondere l’idea che superata la crisi tutto andrà a posto da solo sebbene con qualche frizione trascurabile. Non è così. Il Ministro delle Finanze tedesco, quello che voleva buttare fuori la Grecia dall’Europa, il falco di Berlino, «sarà cattivo, ma non ha torto, non sempre, anzi quasi mai», spiega Giardina. E’ una delle ragioni per le quali tutto lascia pensare che l’attuale compromesso non pone fine al conflitto, ma segna soltanto una tregua nelle ostilità. Insomma, quel livello di integrazione politica indispensabile per tenere a galla la barca in caso di tempesta rimane ancora un miraggio che tormenta i sonni di molti, non soltanto di noi italiani.

di Roberto Giardina

… continua a leggere