Per la Russia post-comunista è una tappa storica: da giugno, per la prima volta dai tempi degli zar, il rublo è convertibile al cento per cento. «È un segno che l’economia ha raggiunto una certa maturità», ha dichiarato soddisfatto il ministro delle Finanze, Aleksei Kudrin