Nel breve volgere dell’anno che si chiude e del nuovo che si apre, giunge la sentenza della Corte di Cassazione secondo la quale il datore di lavoro può licenziare un dipendente non solo in caso di difficoltà economiche, ma anche per determinare “un incremento della reddittività”. In altre parole: per cercare di aumentare i profitti.                   … continua a leggere