Il mondo ricorda il 64° anniversario del colpo di stato in Iran, appoggiato dall’Occidente. L’Islam pacifico, tollerante e orientato in senso sociale, era considerato una minaccia tremenda, almeno a Londra, Washington e Parigi. Doveva essere fermato, anche distrutto, risolutamente e con tutti i mezzi disponibili. Soltanto il Wahhabismo, pre-approvato, che era collaborativo con l’Occidente e che dall’inizio, almeno parzialmente, era ‘coprodotto’ dall’Impero Britannico, fu scelto e gli si permise di ‘fiorire e avere successo’.

… continua a leggere