“Come il vero amore, la vera rivoluzione non può essere interrotta, o estinta, neanche dalla morte stessa. Il compagno Fidel Castro se ne è appena andato ….ma milioni di suoi figli e figlie sono ancora qui, maledizione! Perciò nulla è perduto. Perciò tutto sta appena cominciando!”. Così conclude il suo pezzo che qui pubblichiamo, Andre Vltchek, 53 anni, russo di Leningrado che si definisce filosofo e giornalista d’inchiesta. Quel che scrive può essere condivisibile oppure no, ma leggerlo non è tempo perso. [Illustrazione di Ares/Cartoonmovement]

… continua a leggere